La Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea di Mantova sarà ospitata nel Museo Diocesano Francesco Gonzaga. Il museo conserva opere provenienti dal Duomo, dalla Basilica Palatina di Santa Barbara, dal territorio diocesano e da numerose collezioni private. Al suo interno sono custodite opere di Andrea Mantegna, Correggio, Domenico Fetti, Francesco Cairo. Nelle sue sale è possibile visionare preziosi oggetti del tesoro della cattedrale di San Pietro Apostolo e della basilica palatina di Santa Barbara oltre a un consistente numero di arazzi, ceramiche e armature. Numerose opere affluite dalle parrocchie della Diocesi, che ne rimangono proprietarie, sono non di rado utilizzate per le liturgie solenni. L'idea di adibire parte del monastero di Sant'Agnese dei Padri Agostiniani a sede espositiva nacque grazie all'interessamento di monsignor Luigi Bosio negli anni Settanta e all'impegno di monsignor Ciro Ferrari nel decennio successivo.

Dal 4 al 10 novembre i corridoi adiacenti alle sale dei tesori e numerose sale interne ospiteranno l'operato di un selezionato numero di artisti contemporanei. Un'occasione di confronto oltre che l'opportunità unica di esporre in un suggestivo luogo intriso di storia.






Rassegna Stampa dell'evento



http://www.artemagazine.it/dal-territorio/item/5471-mantova-parte-la-biennale-internazionale-d-arte-contemporanea